Amicoandrologo.it fondazione home

SEGUICI SU:

facebook twitter
APPROFONDIMENTI

Dottore mi fa male lì! Si, ma lì dove?

Conoscere il nome delle strutture che compongono il nostro apparato sessuale e riproduttivo può aiutarci a riconoscere e capire i sintomi delle patologie che possono colpirlo facilitandoci anche nel colloquio con il medico. L’apparato genitale maschile è formato dai testicoli, contenuti nello scroto, dalle vie seminali, dalla prostata e dal pene.

Testicoli I testicoli hanno una forma ovale e dimensioni paragonabili ad una noce. Durante la vita prenatale si sviluppano all’interno della cavità addominale, e, successivamente, migrano lentamente lungo il canale inguinale fino a raggiungere, prima della nascita, la sacca scrotale. Posti all’esterno della cavità addominale, i testicoli saranno così esposti ad una temperatura più bassa di quella degli altri organi. (34-35°C). Al loro interno si svolgono due funzioni fondamentali per il nostro apparato sessuale e riproduttivo, quali la spermatogenesi e la steroidogenesi. La prima riguarda la nostra fertilità, e consiste nella produzione di spermatozoi, mentre la seconda riguarda prevalentemente la nostra salute generale e sessuale, consistendo nella sintesi e liberazione del principale ormone maschile, il testosterone.

Scroto Lo scroto costituisce l’involucro dei testicoli, che avvolge completamente insieme alla parte inferiore dei funicoli spermatici. Il suo aspetto può variare da individuo a individuo da breve e raccolto ad allungato e flaccido.

Epididimo L’epididimo è la struttura attraverso la quale passano gli spermatozoi, dopo essere stati prodotti nei testicolo ed è localizzato, infatti, superiormente e posteriormente rispetto a questo, sempre all’interno della sacca scrotale. Si compone di tre parti, una testa, un corpo centrale e una coda, che si estende dal canale deferente. La testa dell’epididimo è apprezzabile alla palpazione durante la visita medica o durante l’autopalpazione.

Funicolo spermatico Il funicolo spermatico è localizzato nella parte superiore dorsale del testicolo. Si prolunga a livello del canale inguinale per circa 10 cm, anche se a volte il funicolo sinistro è più lungo di quello destro, e per questo il testicolo sinistro può essere situato un po’ più in basso. All’interno del funicolo sono presenti vasi, nervi e il canale deferente.

Canale deferente Il canale deferente ha il ruolo di dotto escretore dell’epididimo ed è il prolungamento di quest’ultimo. Essendo parte del funicolo spermatico attraversa il canale inguinale ed entra nella cavità pelvica. Si unisce al canale della vescicola seminale diventando dotto eiaculatore, che attraversa la prostata e sbocca nell’uretra.

Prostata La prostata è una ghiandola situata nella cavità pelvica. La sua funzione è quella di produrre e rilasciare delle sostanze sulla superficie dell’uretra al passaggio del liquido seminale e che agiscono sul liquido seminale stesso. Ha le dimensioni di una castagna ed è composta da 30-50 ghiandole ramificate, e da tessuto fibro-muscolare che contraendosi al momento dell’eiaculazione, permette il rilascio del contenuto prostatico nell’uretra.

Vescicola seminale Le vescicole seminali sono due, e si trovano nell’addome, tra la vescica e l’intestino retto. Hanno la forma di un sacchetto, possono contenere tra 3,4 e 4,5 ml di liquido e producono circa il 60-70% del liquido seminale. Hanno la funzione di formare il coagulo seminale, di influire su alcune caratteristiche del liquido e di sopprimere eventuali anticorpi contro gli spermatozoi.
Pene Il pene, e lo scroto rappresentano gli organi genitali esterni maschili. Il pene non ha ossa al suo interno ed è formato da una radice fissa e da un corpo libero che termina con un’estremità più sensibile, il glande. Sull’estremità di questo si trova il prepuzio, dove la pelle è ripiegata per formare una piega retrattile. Il prepuzio è legato al glande tramite un lembo di pelle che prende il nome di frenulo. La parte interna del pene è formata dall’uretra, che permette il passaggio del liquido seminale e dele urine all’esterno, ed è avvolta in un colindro chiamato corpo spugnoso, e da due cilindri chiamati corpi cavernosi, che permettono il giusto afflusso di sangue al pene, garantendo il mantenimento dell’erezione.

Uretra maschile – L’uretra maschile si estende per circa 20 cm a partire dalla vescica fino all’estremità del pene. Permette il passaggio sia delle urine che del liquido seminale.

lenzinew1.jpg isidorinew1